Sitemap

Navigazione veloce

Ho visto Miranda dall'altra parte della strada non appena sono arrivato dal cortile.Era un sabato pomeriggio caldo e afoso in un lungo fine settimana di agosto.La mia vicina di casa era vestita per il clima torrido con pantaloncini attillati e un top di un bikini di corda.Fermandomi, ho bevuto quella vista con un leggero sospiro.

Miranda era in piedi sopra il suo tosaerba con un'espressione acida sul suo bel viso.Mentre guardavo, ha tirato la corda di strappo con forza un paio di volte senza che la macchina rispondesse.Il mio vicino si è fermato, si è accigliato e poi ha dato il via a un torrente di linguaggio scurrile.A quel punto, ho iniziato a camminare.

"Ehi, Miranda".Ho gridato: "Cosa sta facendo?".

"Questa cazzo di cosa non parte. Ha funzionato bene per Danny la settimana scorsa".Miranda ha risposto con un ringhio.

Mi sono inginocchiato e ho controllato il tosaerba.Il filo della candela era sicuro e c'era molta benzina.Alzandomi, ho provato a metterla in moto da solo.Non c'è stato nemmeno un colpo di tosse.

"Candela, forse".Ho detto dopo averci pensato un po': "Ho un ricambio per il mio. Lo prendo e gli attrezzi che mi servono. Solo un minuto".

"Grazie, Ken. Non so cosa farei senza un buon vicino come te".Miranda rispose con un sorriso e scuotendo la testa.

Sono tornato al mio garage e ho tirato fuori la spina e gli strumenti necessari per togliere quella vecchia.La mia mente era tanto su Miranda quanto sul tosaerba, però.

A trent'anni, il mio vicino aveva la metà dei miei anni, più giovane della mia figlia maggiore.Anche così, Miranda ed io eravamo diventati subito amici dopo che lei e suo marito Danny si erano trasferiti dall'altra parte della strada.Avevamo un numero sorprendente di cose in comune, data la differenza di età.

Una delle cose che condividevamo era che entrambi i nostri coniugi tendevano ad essere molto lontani sia per motivi di lavoro che di famiglia.Quest'estate in particolare, queste assenze erano state molto frequenti e mi stavano sicuramente logorando.Io e Miranda ci siamo tenuti compagnia durante quelle assenze, ma solo come amici.Fino a quel punto non era mai successo nulla di spiacevole.

Tuttavia, il mio interesse per Miranda andava oltre l'amicizia.La mia vicina era una bella donna, con un bel viso, lunghi capelli castani e un corpo formoso che non si vergognava di mostrare.Ero fortemente attratto da Miranda e frequentemente intrattenevo fantasie erotiche e romantiche su di lei.Non mi facevo illusioni sulla probabilità che una trentenne sexy e sposata volesse portarsi a letto un nonno sessantenne semi-pensionato, ma questo non fermava le fantasie.

Tornando con la candela e gli attrezzi, mi sono messo al lavoro sul tosaerba di Miranda.Il mio vicino si è inginocchiato di fronte a me e si è piegato a guardare.Questo mi ha dato un'occhiata alle sue tette.I seni di Miranda non erano grandi, ma erano rotondi e sodi senza un sacco di cedimento.Mi costrinsi a concentrarmi su quello che stavo facendo piuttosto che sulla vista del corpo scarsamente vestito della mia vicina.

"Ok, proviamo".Ho detto una volta che ho avuto la nuova candela in posizione e collegata.

Miranda si alzò e andò dietro la falciatrice mentre io facevo un passo indietro.Un tiro e la bestia ha ruggito alla vita.Il mio vicino ha emesso un urlo di vittoria.Con mia sorpresa, mi ha anche abbracciato forte e mi ha dato un leggero bacio sulla guancia.La sensazione momentanea di quel corpo agile contro di me mandò un piccolo brivido malvagio lungo il mio cazzo.Arrossendo un po', ho restituito l'abbraccio, ma non il bacio.

Vedendo il mio imbarazzo, Miranda ridacchiò e disse: "Scusa per l'entusiasmo. È solo che sono così felice di averti intorno per aiutarti in cose come questa".

"Va tutto bene. I vecchi rincoglioniti come me non ricevono molti abbracci da dolci signorine".Ho risposto con un sorriso.

"Vicky è di nuovo via?" chiese.

"Sì, lo è".Ho riconosciuto, sospirando tristemente, "Rimanere con sua madre per qualche giorno per dare a sua sorella una pausa, poi cose di lavoro. Ci vorranno un paio di settimane prima di rivederla".

Anche quando Vick tornasse, probabilmente otterrei una scopata di mantenimento e poco più.C'era un'evidente mancanza di calore reale nella nostra camera da letto ed era stato così per molti anni.Tuttavia, non avevo intenzione di ammetterlo a Miranda, almeno non ancora.

"Dan è di nuovo fuori per affari".Miranda disse con un sospiro: "Una grande acquisizione o qualcosa del genere sta avvenendo a Calgary. Non era nemmeno sicuro di quanto sarebbe durato. Potrebbe essere una settimana, potrebbe essere un mese".

"Non so come fa. Non potevo sopportare di stare lontano da Vicky quando avevamo la tua età".Ho detto con un lento scuotimento della testa.

"Di sicuro lo voglio più in giro. E non solo per questa roba".Miranda ha risposto con un suggestivo innalzamento delle sopracciglia.

Ho sorriso.

"Tornerà".Ho assicurato: "E, come ricordo dallo stesso periodo del nostro matrimonio, le cose diventano piuttosto divertenti dopo una lunga assenza".

Miranda sospirò.Per un momento, sembrò persino che potesse piangere, ma si riprese rapidamente.

"Lo spero", rispose lei, "Comunque, devo far tagliare questo prato prima che faccia troppo caldo".

"Sì, buon piano. Ho anche altri lavori di giardinaggio da fare".

"Forse possiamo guardare una partita insieme più tardi o qualcosa del genere?"

"Certo. Ci sono un paio di partite di calcio domani. Chiamami".

Mentre tornavo a casa mia, la reazione di Miranda e il suo "lo spero" un po' disperato mi sono rimasti impressi nella mente.Non stava ottenendo quello che voleva da Danny?Problemi nel matrimonio?Erano sposati solo da cinque anni, quindi sembrava presto per avere un crollo.Il mio matrimonio di trentadue anni aveva iniziato a ristagnare solo nell'ultimo decennio o giù di lì.

Dopo cena, mi ero appena sistemato con una birra per guardare un programma su Netflix quando il telefono ha squillato.

"Ciao, Ken, sono Miranda", cantava la voce del mio vicino quando ho risposto.

"Ciao, Miranda, cosa c'è adesso?"

"Ho qualche problema con l'idromassaggio", spiegò con un sospiro, "roba di idraulica, credo. Puoi dare un'occhiata? Ricordo che l'hai riparata l'estate scorsa quando la pompa ha fatto i capricci".

"Sì, certo. Verrò da te. Non ho molto da fare stasera, comunque".Ho risposto.

"Grande! Sono sul ponte, ma ho lasciato il cancello aperto, così puoi fare il giro. Porta i tuoi bauli. Potresti doverlo testare".

Dopo aver riattaccato, mi sono reso conto che sembrava piuttosto allegra per una persona con un idromassaggio rotto.Eppure, vedere Miranda e fare un bagno nella sua vasca idromassaggio batte Netflix in qualsiasi momento.Ho rimesso la mia birra in frigo e mi sono cambiato in costume da bagno.

Quando arrivai nel cortile del mio vicino, Miranda era già nella vasca.L'acqua gorgogliava intorno a lei mentre mi sorrideva.Le bottiglie aperte della nostra birra preferita si trovavano accanto alla vasca.

"Pensavo che la vasca fosse rotta?"Ho detto con un sopracciglio alzato.

"L'unica cosa sbagliata è che mi sento solo", rispose lei con finta tristezza.

Ridendo e scuotendo la testa, ho calciato via i sandali e mi sono spogliato della maglietta.Ero in forma decente per un uomo di sessant'anni, o così mi era stato assicurato da molti.Lo sguardo della mia vicina, che mi controllava mentre entravo nell'acqua calda, suggeriva che era d'accordo.

Solo quando sono stato in acqua mi sono reso conto che non c'erano spalline del bikini visibili sul collo o sulle spalle di Miranda.Poteva indossare un top senza spalline, ho indovinato, ma non l'avevo mai vista indossarne uno.Il pensiero che Miranda potesse essere in topless mi rendeva improvvisamente teso sia nel bene che nel male.

"Questo è bello dopo una lunga giornata".Ho detto quando mi sono sistemato e ho bevuto un sorso di birra.

Qualcosa, forse il piede del mio vicino, mi ha sfiorato la gamba sotto l'acqua.

"Lo è. La vasca è una delle ragioni per cui abbiamo scelto questa casa".

Il tocco è avvenuto di nuovo.Questa volta ho guardato Miranda.I suoi occhi hanno incontrato i miei e un sorriso misterioso ha attraversato le sue labbra.In privato ho riflettuto sulle possibilità di essere in una vasca idromassaggio con una donna sola e seminuda.

"Pensavo che fosse solo per via dei vicini simpatici".Ho risposto con un occhiolino.

Miranda ha riso.

"Questo è un beneficio che non avevo previsto, ma che apprezzo molto", ha detto lei con una strizzatina d'occhio.

Il mio vicino si è spostato un po' nella vasca, alzandosi brevemente.Il movimento mi fece vedere brevemente, ma abbastanza chiaramente, i suoi seni nudi.Questa conferma del mio sospetto mi ha messo un po' a disagio, ma mi ha anche incuriosito.L'occhiata alle tette della mia vicina era intenzionale o innocente?Miranda stava flirtando?Cerca di sedurmi?

"Oops. Ti ho dato un flash, vero?" ha detto, ridacchiando, "Scusa, Ken. Non ci ho pensato quando sono entrata. Di solito vado in topless quando sono da sola qui dentro o solo con Danny".

Mi sono resa conto di essere arrossita e istintivamente ho distolto lo sguardo.

"Va tutto bene. Avevo già capito che eri in topless, solo che non mi aspettavo di vederlo tutto".

La sua gamba ora poggiava contro la mia, la delicata carezza della pelle contro la pelle mi eccitava tanto quanto lo scorcio delle sue tette.Ho sentito le sue dita toccare la mia gamba.Hanno indugiato, accarezzandomi leggermente sotto le acque gorgoglianti.

"Ti è piaciuto quello che hai visto?"Chiese Miranda, le risatine da ragazzina che lasciavano il posto a un tono sensuale.

"L'ho fatto".Ho risposto dolcemente.

Ho appoggiato le dita sul polpaccio del mio vicino, ricambiando la carezza.Un rigonfiamento si stava formando nei miei pantaloncini mentre il mio cazzo si gonfiava a vita.Dopo qualche minuto di silenzio Miranda sospirò, poi guardò dritto verso di me.

"Ken, sono così dannatamente sola in questo momento", balbettò, lottando per far uscire tutte le parole, "continuo a pensare a quanto mi piace stare con te. Sei così bello, così gentile. A volte questi pensieri diventano... sporchi. Io ... oh Dio, forse questo è un errore".

"Forse non lo è".Ho risposto rapidamente, dandole una leggera stretta alla gamba: "Anch'io ho avuto dei pensieri su di te, Miranda. Pensieri che non direi a nessun altro".

"Tranne me?"

"Tranne te".

"Allora dimmi", ha sussurrato, avvicinandosi a me.

Questo le ha sollevato le tette fuori dall'acqua.Ho cercato di non fissarlo.La mano del mio vicino stava ora accarezzando la mia coscia.

"Ti sogno, Miranda".Le dissi, con le dita che le accarezzavano la gamba in cambio, "Fantastico di averti con me a letto o nel mio giardino o... non importa dove o come, a volte ti voglio e basta".

La mia mano era arrivata alla sua coscia.La pelle del mio vicino era liscia e calda sotto le mie dita.

"Ma Vicky? Dan?"Miranda disse, la sua voce cominciando a vacillare.

"Vicky ed io stiamo facendo un po' di movimento ora. Giuro, Miranda, non ho fatto del buon sesso caldo con lei da anni".

"Anche la nostra vita sessuale sta calando", ha confessato la mia vicina, annuendo, "Ken, sono preoccupata che lo stia prendendo altrove. Non sembra più così interessato a me. Siamo sposati da poco più di cinque anni. Non può già andare in pezzi, no?".

Miranda ha tolto la mano dalla mia gamba.Sembrava vicina alle lacrime.Improvvisamente, la mia vicina si è alzata, rivelando che non era solo il suo top ad essere nudo.Una folta chiazza di pelliccia ramata scura, non rasata, copriva la sua regione pubica, catturando immediatamente la mia attenzione.Ho forzato il mio sguardo verso l'alto, prendendo una vita sottile, un ventre tonico, e piccole tette sode coperte da grandi capezzoli eretti.Il mio cazzo si è gonfiato insieme al mio desiderio di quel corpo.

"Oh merda, Ken, cosa sto facendo?", ha ansimato il mio vicino ad alta voce.

Miranda è praticamente saltata fuori dalla vasca, il suo corpo tremava.Scrambling per coprire la sua nudità, ha afferrato un grande telo da spiaggia da uno scaffale vicino alla vasca da bagno.La mia vicina si è rapidamente avvolta nell'asciugamano, coprendosi le tette e la figa come meglio poteva.Poi si è allontanata da me nella semioscurità della parte del ponte lontana dalla vasca.

Mi alzai, ben consapevole che il mio cazzo eccitato stava facendo una tenda nei miei pantaloncini.Dall'ombra, potevo vedere il luccichio degli occhi di Miranda mentre guardava intensamente la mia erezione.Potevo anche vedere le lacrime brillare sulle sue guance.Prendendo un mio asciugamano, l'ho avvolto intorno alla vita per fornire una copertura extra.

"Va tutto bene, Miranda. Anch'io ero fuori controllo. Non è colpa tua".

"Non so cosa mi sia successo", disse lei, la sua voce bassa e tremante, "Ken, io... ti ho invitato da me sperando di sedurti. Sono così stanca di essere sola e arrapata, di occuparmi dei miei bisogni fisici. Ho ceduto a sentimenti che non dovrei provare".

"Anch'io stavo cedendo a questi sentimenti, Miranda. Tutto questo riassume anche la mia situazione. Forse anche di più".Ho risposto con calma.

"Non posso farlo, Ken. Non ora, almeno. Mi dispiace. Non avrei nemmeno dovuto chiamarti".

Miranda è tornata alla luce, con l'asciugamano legato saldamente al suo posto.

"Va tutto bene".L'ho rassicurata: "Non hai niente di cui dispiacerti. So come ti senti. Ora vado a casa, se è quello che vuoi".

Il mio vicino annuì.

"Probabilmente è meglio così. Ho davvero bisogno di pensarci di più", disse dolcemente, asciugandosi le lacrime.

"Va bene".Ho risposto: "Dovrei farlo anch'io. È un grande passo per entrambi se attraversiamo quella linea".

Miranda si avvicinò lentamente a me.Mi ha dato un leggero abbraccio, ci siamo salutati e poi sono scivolato a casa.

Mi sono svegliato la mattina dopo con un'erezione durissima.I miei pensieri andarono immediatamente alla mia vicina, il ricordo della sua bellezza nuda riempiva la mia immaginazione.Andai alla finestra della mia camera da letto e aprii le tende per guardare la casa di Miranda.Non c'era però nessun segno di vita.

Tornando a letto, mi sono intrattenuto con una versione di fantasia della notte precedente.Invece di separarci in lacrime, ho immaginato che scopassimo nella vasca idromassaggio.Immaginai Miranda piegata sul bordo mentre le stantuffavo la figa da dietro.Con questo scenario nella mia mente, ho massaggiato il mio cazzo con le dita.Per un po', mi sono spinto, portandomi vicino all'orgasmo ma indietreggiando sull'orlo ogni volta per lasciarlo calmare un po'.

Infine, sapevo che non avrei resistito più a lungo.Tirando fuori il lubrificante personale che tenevamo in un cassetto della camera da letto, ho ricoperto la mia mano destra con il gel scivoloso.Avvolgendo quella mano intorno al mio cazzo, cominciai a scopare il mio pugno scivoloso, immaginando che fosse la figa bagnata di Miranda.Sono venuto velocemente e duramente, il mio corpo ha tremato per la forza del mio climax.La testa del mio cazzo divenne rapidamente insopportabilmente sensibile, costringendomi a fermarmi.Rimasi immobile, chiedendomi cosa sarebbe successo dopo con il mio vicino.

La fame alla fine mi ha costretto ad alzarmi dal letto.Mi sono fatto la doccia, ho fatto colazione e poi mi sono messo al computer.Io e Miranda eravamo amici su Facebook, quindi ho subito messo il suo profilo sullo schermo.

"Spero che tu stia bene. So che ieri sera è stata dura per te. Lo è stato anche per me. Non chiederò di vederti di nuovo finché non sentirò che sei pronto. Abbi cura di te".Ho scritto in un messaggio privato.

Ho messo il computer a dormire e sono scesa al piano di sotto per fare un po' di pulizia e di bucato.Era un lavoro che Vicky faceva normalmente ma che diventava il mio lavoro quando lei non c'era.Per tutto il tempo, la mia mente continuava a vagare attraverso la strada e a tornare indietro nel tempo alla notte precedente.Quando sono tornato su Facebook un paio d'ore dopo, c'era una risposta di Miranda.

"Mi sono appena alzato e ho visto il tuo messaggio. Grazie per la comprensione. Tutto va bene questa mattina", ha scritto, finendo con un'emoticon di un sole sorridente.

Ho sorriso e sospirato.

"Bene. Sono contento di sentirlo".Ho risposto con un'emoticon con il pollice in su.

La domenica è stata ancora più calda e afosa del sabato.Il mio pensiero iniziale era di rintanarmi in casa con l'aria condizionata e la TV accesa.Tuttavia, un promemoria è spuntato sul mio telefono che avrei dovuto controllare la casa del mio amico Frank.

Frank e sua moglie erano appena partiti per un mese di vacanza in Europa.Come spesso accadeva, mi avevano arruolato per badare alla loro casa.Badare alla casa di Frank comportava alcuni vantaggi.La loro casa era su un acro di terreno nella campagna a nord di Eversham.Con un lotto così grande, avevano spazio per un'enorme piscina.Frank mi aveva dato il permesso di usare la piscina quando volevo.

Dopo averci pensato un po', ho deciso che la piscina di Frank sarebbe stata un bel posto per passare il pomeriggio di una calda giornata estiva.Ho preparato una borsa frigo con degli snack e qualche birra dal mio frigorifero, poi ho indossato i miei pantaloncini e una canottiera.

Mentre caricavo la borsa frigo nel mio SUV, ho visto Miranda che si aggirava nel suo cortile.Era adorabile in un abito rosa senza maniche con un frontale abbottonato.I primi bottoni erano slacciati, mostrando uno scorcio della sua scollatura.Il volto del mio vicino aveva un'espressione pensierosa.Un pensiero mi ha attraversato la mente e mi sono avvicinato a lei.

"Buon pomeriggio. Sembri un po' perso".Ho detto.

Miranda alzò lo sguardo e sorrise.

"Sto solo cercando di capire cosa fare di me stesso", rispose con voce tesa, quasi preoccupata, "sono un po'... inquieto".

Ho percepito dalla sua espressione e dal suo tono che c'era più di una semplice inquietudine.

"Vuoi venire con me?"Ho chiesto: "Sto andando a casa di un mio amico. Ha una bella piscina".

"Sarà d'accordo che tu porti un ospite inatteso?"

Ho alzato le spalle.

"Non c'è".Ho risposto: "Mi occupo della casa mentre lui è in vacanza. Saremo solo io e te".

Miranda sembrò un po' incerta per un momento, poi il suo viso si illuminò con un bel sorriso.

"Sai, Frank, sembra divertente", rispose lei, la sua voce improvvisamente allegra, "Meglio che stare sdraiati in casa. Prendo un costume da bagno e arrivo tra un paio di minuti".

Ho quasi commentato che il costume da bagno era opzionale.Frank non aveva vicini e aveva un'alta recinzione per la privacy, così avevo fatto molti tuffi nudi nella sua piscina.Non volevo però turbarla con un ricordo della notte precedente, quindi tenni a freno la lingua.

"Oh mio Dio, questo posto è incredibile. Cosa fa il tuo amico?"Chiese Miranda dopo aver esaminato la casa e il giardino di Frank.

Tutte le categorie: Tradire